Progetto senza titolo (58).png

Servizio

Dropshipping

Scopri il servizio

Scorri

Progetto senza titolo (60).png

Il dropshipping è un particolare modello di business, grazie al quale è possibile vendere dei prodotti senza possederli direttamente. Come funziona? Si può fare dropshipping in Italia? E soprattutto, ci si può guadagnare veramente?

Cerchiamo di rispondere a queste e ad altre domande con ordine, attraverso la nostra breve guida introduttiva al dropshipping in Italia.

Il ragionamento che sta dietro al dropshipping è semplice: perché non comprare la merce da rivendere soltanto dopo avere concluso una vendita? In questo modo, si possono inanellare una serie di vantaggi in un colpo solo:

  1. si evita il problema delle rimanenze in magazzino

  2. NON si paga anticipatamente la merce

  3. ma soprattutto, il magazzino (con tutti gli oneri del caso) non serve più!

Quindi, al venditore non resta che focalizzarsi sul marketing relativo ai prodotti presenti sull’ecommerce; una volta che gli ordini cominciano ad arrivare, il suo compito è quello di ordinare la merce acquistata dai suoi clienti presso un fornitore (talvolta definito "dropshipper"). Provvederà poi quest’ultimo ad inviare i prodotti al cliente iniziale.

 

Il funzionamento del dropshipping è molto semplice. Abbiamo già detto che il venditore che riesce a "chiudere" una vendita, non ha presso di sé il prodotto da spedire all'acquirente. Quando riceve l'ordine, lo trasmette prontamente al dropshipper, il quale spedisce il prodotto direttamente all'utente finale.

In sintesi, il venditore si occupa esclusivamente di pubblicizzare i prodotti, lasciando al fornitore gli oneri relativi a magazzino, imballaggio e spedizione al cliente finale.

Interessante, vero? Come potete immaginare, esistono alcuni particolari aspetti da considerare per chi voglia fare dropshipping in Italia. Ma, prima di esaminarli, vediamo quali siano in generale i pro e i contro del dropshipping.

Naturalmente, un simile modello commerciale non potrebbe "reggersi in piedi" se non comportasse vantaggi sia per il venditore che per il fornitore. Vediamo separatamente i rispettivi benefit che il dropshipping può apportare a tali soggetti e - magari - anche al vostro business.

I vantaggi per il venditore

 

Il principale vantaggio per il venditore è quello di creare un'attività di vendita, anche potenzialmente molto remunerativa, senza necessità di investire capitali ingenti per acquisto dei prodotti, logistica, ecc.

Difatti, il venditore non dovrà disporre di un magazzino per i prodotti; e spesso non avrà nemmeno necessità di assumere dipendenti e collaboratori (l'attività di dropshipping è piuttosto semplice da gestire, se non vi è un flusso troppo ingente di ordini).

I vantaggi per il fornitore

 

Come anticipato, vantaggi piuttosto tangibili sono presenti anche per il fornitore. Egli potrà infatti aumentare il proprio giro di affari, beneficiando di una maggiore capillarità di penetrazione commerciale, prevalentemente online, a condizioni davvero competitive.

Fare dropshipping significa avviare un'attività commerciale vera e propria; ciò include investimenti (hosting, portale di commercio elettronico, remunerazione di eventuali collaboratori), oneri amministrativo/fiscali e tutto quello che richiederebbe una qualsiasi altra impresa.

Se volete iniziare un’attività online in dropshipping in Italia vi guideremo passo per passo in questo grande mondo pieno di opportunità! Non esitate a contattarci per scoprire come iniziare a vendere in dropshipping!